La pedalata denominata “Di ruota in ruota”, originariamente nata per ricordare un amico scomparso, è giunta ormai alla tredicesima edizione consecutiva. Si può tranquillamente affermare che la manifestazione è diventata un appuntamento fisso, per tutti gli appassionati “esploratori” delle perle che il nostro territorio offre. Non è certamente un caso che già da più edizioni il numero dei partecipanti si attesti stabilmente intorno al migliaio di persone.
A tutti, famiglie, gruppi o singoli partecipanti, giovani o meno giovani, proponiamo di valorizzare, attraverso la capacità aggregativa della bicicletta, il territorio nelle sue espressioni paesaggistiche e di tradizione culturale; si intende così esaltare il ruolo della bicicletta come mezzo salutare ed ecologico di spostamento. L’iniziativa costituisce l’opportunità di gustare la bellezza dei luoghi attraversati e proporrà il viaggio in angoli caratteristici del nostro territorio, nel suggestivo scenario notturno. con i ritmi lenti e gioiosi che a questi meglio si addicono. E che, normalmente, non si riescono a trovare.
Lo scopo primario della manifestazione, ovvero la promozione della bicicletta, diventa così anche strumento per la scoperta e l’approfondimento della conoscenza del territorio, attraverso i suoi siti culturali, quali mulini, chiese, bacini di contenimento.
L’edizione 2016 vedrà, come ormai tradizione, la partenza da Piazza della Repubblica di Portogruaro, alle ore 19,00; percorrerà poi le strade della zona e si dirigerà verso San Michele al Tagliamento. Qui, il tradizionale “pasta party” si svolgerà in un luogo d’eccezionale bellezza: il parco di Villa Ivancich

Lungo il fiume Tagliamento, di fonte a Latisana, sorse nel XVI secolo per volere della nobile famiglia veneziana dei Mocenigo, un imponente complesso formato da una villa signorile e da due grandi barchesse, circondato da un grande parco.
La proprietà fu acquistata nel 1870 da Vincenzo Biaggini, la cui figlia Elina sposò Giacomo, appartenente alla famiglia veneziana degli Ivancich. La villa divenne luogo frequentato da scrittori e musicisti di fama: i componenti delle famiglie Biaggini e Ivancich strinsero legami di amicizia,nell’arco degli anni, con Fogazzaro, D’Annunzio, Toscanini, Pound e Hemingway.
Purtroppo, oggi non ci è concesso di apprezzare tutto lo splendore dell’antica dimora, che è stata devastata dai bombardamenti subiti durante la seconda guerra mondiale. Possiamo però ammirare il bellissimo parco ricco di piante secolari, e lasciarci coinvolgere dalle suggestioni del ricco passato culturale e artistico del luogo.
Da qui ripartiremo per dirigerci, nuovamente, verso la Piazza centrale di Portogruaro.

Come sempre, fra gli obiettivi fondamentali della manifestazione c’è la beneficenza, a favore di realtà del nostro territorio che si occupano di realizzare direttamente i propri progetti.

La prossima edizione sarà vicina, da un lato, all’Associazione “Insieme per l’Africa Onlus” con sede a Ceggia: si tratta di una realtà operante ormai da un ventennio, che coinvolge numerosi volontari in opere e interventi direttamente eseguiti, in particolare in Guinea Bissau, nel villaggio di Caboxangue.
Dall’altro, accompagnerà la nascita dell’Associazione “Il Mantello Onlus” per le cure palliative nel Veneto Orientale: si tratta di una nuova iniziativa, avente lo scopo di promuovere e diffondere la cultura delle cure palliative attraverso iniziative pubbliche a sostegno della attività svolta dalla Unità Operativa di Cure Palliative della Azienda ULSS N° 10 “Veneto Orientale”, sia nell’ambito dell’assistenza domiciliare, sia nell’ambito dell’attività svolta in Hospice.

pieghevole_per_internet_1-1024x480

 

pieghevole_per_internet_2-1024x480